questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Cannes in bilico tra Loach ed Almodovar

19/05/2006

Dopo la tempesta de Il Codice da Vinci il festival di Cannes è entrato nel vivo con il concorso. Il primo film presentato è stato quello del cinese Lou Ye, che è sbarcato sulla Croisette senza avere ottenuto il visto di censura dalle rigide autorità di Pechino. Anche il suo film, Summer Place, non risulterà gradito alle autorità cinesi dato che racconta la storia d'amore di due studenti durante la tragica vicenda di Piazza Tienanmen. Summer Place è di per sé un piccolo grande evento, visto che è il primo film cinese a parlare di quei tragici giorni del 1989, finora tabù storico e culturale imposto dalle istituzioni alla generazione di cineasti cinesi. Secondo film in concorso, e secondo film scomodo. Il regista è un combattente da sempre Ken Loach, l'ultimo dei marxisti, che con il drammatico The Wind That Shakes The Barley, firma un racconto dolente ambientato nell'Irlanda di inizio Novecento, in lotta per l'indipendenza con gli inglesi. Loach in conferenza stampa ci ha tenuto a sottolineare che: "La guerra di indipendenza irlandese mi riporta a quello che sta succendendo in Iraq oggi o in tutti quei paesi che hanno i territori occupati". "E' sempre un buon momento – ha ribadito il regista - per raccontare una storia di lotta per l'indipendenza, visto che nel mondo ci sono sempre eserciti di occupazione e persone che organizzano la resistenza. Non è il caso che io dica qui ora dove l'Inghilterra purtroppo sta occupando illegalmente un territorio con il suo esercito". In The Wind That Shakes The Barley (verso di una ballata irlandese di fine ottocento) due fratelli irlandesi, Damien (Cillian Murphy, Red Eye, Batman begins) e Teddy (Padraic Delaney) si ritroveranno sui due fronti opposti, uno impegnato nella lotta per l'indipendenza e l'altro impegnato a cercare una mediazione con il governo inglese.

Scritto da ADMIN
Tag: cannes
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA