questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Boxoffice Usa: la peggiore estate in otto anni

Attualità, Trade

23/07/2014

Mancano solo sei settimane al Labor Day, che si celebra ad inizio settembre, e che viene considerata ufficialmente come la data di fine estate, e gli incassi estivi nei cinema nordamericani continuano a perdere colpi, con un saldo negativo, al 20 luglio del 20% rispetto a quelli del 2013.  L'anno scorso il fatturato complessivo del periodo estivo si è chiuso a 4,75 miliardi, ma gli incassi difficilmente raggiungeranno per quella data i 4 miliardi di dollari, cosa che non è mai successa in otto anni. Dopo un'estate così debole si prevede una chiusura dell'anno in negativo con un -4 o -5% se tutto va bene. Cosa è successo? Sicuramente ha influito negativamente lo slittamento al prossimo anno di Fast & Furious 7, che doveva uscire a luglio, come l'anticipo ad aprile di Captain America The winter soldier, che hanno tolto dalla schedule estiva due pezzi da 90, ma Hollywood teme che questa situazione sia un segnale del cambiamento del pubblico, che non si accontenta più di andare a vedere i vari sequel dei blockbuster, ma vuole che siano migliori dei precedenti. Sebbene non ci siano stati dei flop clamorosi come quello dell'anno passato di Lone Ranger, con Johnny Depp, nessuno dei blockbuster usciti quest'estate ha raggiunto quota 300 milioni di incasso Usa, i migliori si sono fermati sulla soglia dei 230 milioni, la metà di quanto ha incassato l'anno scorso Iron Man 3  (vedi X-Men: Days of Future Past, Maleficent e Transformers: Age of Extinction). Transformers 4 e Spiderman 2 si sono comunque rifatti con un forte incremento sui mercati internazionali, ma se questo dato non fa tremare Hollywood, non consola comunque gli esercenti americani, e in ogni caso non pareggia i conti conle annate precedenti, vedi ad esempio i 706 milioni di incasso globale di Spider-Man 2, contro i 757 milioni di The Amazing Spider-Man nel 2012. Insomma una serie di elementi negativi, tra cui la scarsa proposta di titoli 'familiari' (tra l'altro senza nessun titolo Pixar). Ma quello che Hollywood teme maggiormente, e di cui stranamente ancora nessuno parla, è che questo fenomeno di minore attenzione al consumo in sala sia legato  allo sviluppo tecnologico ed alla crescita del Vod (vedi Netflix), oltre che alla concorrenza di alcune serie televisive, che non a caso sono cresciute notevolmente in termini di audience proprio in questo periodo.

Non hanno funzionato a dovere molti titoli 'medi' come A Million Ways to Die in the West di Seth MacFarlane o la commedia con Cameron Diaz Sex Tape, che ha debuttato lo scorso week end con un deludente incasso di  14,6 milioni. 

Per recuperare terreno, e chiudere l'estate almeno con un -15%  rispetto al -20% attuale, si punta tutto su quattro titoli in uscita nelle prossime settimane: Hercules con Dwayne Johnson  (25 luglio), Lucy con Scarlett Johansson (25 luglio), Guardians of the Galaxy della Marvel (1 agosto) e  Teenage Mutant Ninja Turtles (8 agosto). Ma il sentiero è molto stretto. E' più facile puntare, per un vero rilancio, direttamente all'estate 2015  con un line-up che comprende, tra gli altri, Avengers: Age of Ultron, Minions e Jurassic World

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA