questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Boxoffice Italia: Maleficent domina il primo week end estivo

Attualità, Box Office

09/06/2014

E' stato il caldo ad avere la meglio, con temperature estive in tutta la penisola ed un crollo di spettatori del 57% rispetto allo scorso week end, che ha penalizzato soprattutto i film più deboli. Unica eccezione Maleficent, che conferma la regola che i blockbuster più forti possono sopportare temperature superiori alla media. A parte gli scherzi, Maleficent ha incassato 1,7 milioni di euro nei quattro giorni del fine settimana (conquistando anche con 2300 euro la più alta media per sala), per un totale di 8,8 milioni di euro in dodici giorni. Per un blockbuster che funziona, un altro che arranca, ovvero lo sci-fi Edge of tomorrow, con un Tom Cruise che con ogni evidenza non riesce più ad attrarre il grande pubblico e che per assurdo è piaciuto più alla stampa che al pubblico, e che si deve accontentare del secondo posto nella classifica con un incasso modestissimo di 420mila euro, per un totale in undici giorni di meno di 2 milioni di euro. Va un pò meglio a X-Men Giorni di un futuro passato, che con i 403mila euro di questo week end riesce a superare quota 5,5 milioni complessivi in tre settimane, avviandosi a diventare il capitolo più visto dell'intera saga del franchise.

Primo delle new entries 3 days to kill con un'altra vecchia gloria come Kevin Costner in formato agente della Cia, che si ferma al quarto posto della classifica con 250mila euro ed una media per copia poco entusiasmante di circa 900 euro. Regge grazie ad un buon passaparola e nonostante la poca visibilità ed il caldo,  il cartone argentino Goool!  quinto con 162mila euro ed un totale di 558mila in undici giorni. Debolissimo l'esordio della commedia francese Tutta colpa del vulcano con Dany Boon, in sesta posizione con 145mila euro (media di circa 600 euro per copia). Incompresa di nome e di fatto l'esordio della pellicola di Asia Argento, in undicesima posizione con 41mila euro (media di 350 euro per copia), e praticamente alla deriva l'ultraromantico strappalacrime remake di Un amore sena fine, con 37mila euro (media di 330 euro per copia). Tiene invece discretamente Le meraviglie di Alice Rohrwacher che in undici giorni raggiunge gli 800mila euro, garantendosi uno spazio anche nelle prossime settimane.

 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA