questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Boxoffice: Hunger Games 3 batte tutti (ma non se stesso)

Attualità, Box Office

23/11/2014

Esordio col botto, ma senza lode, per il penultimo capitolo del franchise Hunger Games: Il canto della rivolta Parte 1, con un boxoffice worldwide di 275 milioni di dollari, di cui 123 milioni incassati in Usa e 152 milioni negli altri territori. Il risultato Usa lascia un pò di amaro in bocca poichè per quanto eccellente  (123 milioni di dollari) è decisamente inferiore sia a quello del secondo capitolo Hunger Games: La ragazza di fuoco (158 milioni) che a quello del primo (152 milioni), sui quali perde rispettivamente il 22% e il 19%, abbassando notevolmente la media spettacolare del franchise, e facendo presagire un incasso complessivo ridotto in proporzione. Ma d’altro canto il film ha avuto un notevole rimbalzo al di fuori degli Usa dove ha incassato 152 milioni di dollari, superando La ragazza di fuoco (146 milioni) e riducendo, a livello globale, la distanza rispetto al risultato del fenomeno La ragazza di fuoco che esordì a livello globale con 294 milioni. Di certo, quello che ha penalizzato il film, uno dei più attesi dell’anno, è stato il passaparola poiché la decisione di sdoppiare l’ultima parte della saga in due parti, ha ridotto questo penultimo capitolo, per quanto notevolissimo su molti aspetti, ad un episodio di transizione e di preparazione allo show down che arriverà con la Parte 2. Comunque stiamo parlando di uno dei migliori esordi dell’anno, sia in Usa che fuori, superiore a Transformers 4 Age of extinction che aveva debuttato con 100 milioni. 

Per quanto riguarda inoltre i risultati del botteghino americano, dopo i 123 milioni di Il canto della rivolta Parte 1 troviamo in seconda posizione il disneyano Big Hero 6 con 20,1 milioni ed un totale alla terza settimana di 135 milioni, seguito dallo sci-fi Interstellar (15 milioni e 121 milioni in tre settimane). Interstellar supera nel frattempo i 400 milioni worldwide. Quarta piazza per Scemo e + Scemo 2 che dopo l’esordio infuocato dello scorso week end perde il 62% di spettatori (13, 8 milioni per 57 milioni in dieci giorni). Quinta piazza per il sorprendente Gone Girl, vero fenomeno di stagione, che in otto settimane, grazie ad un passaparola superlativo ha  incassato 156 milioni di dollari. riuscnedo a restare nella top five.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA