questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Box office: Woody Allen vuole battere il record

Attualità, Box Office

09/06/2011

La notizia è che il nuovo film di Woody Allen Midnight in Paris, uscito tre settimane fa in Usa, si allarga domani in 944 sale. Il più alto numero di schermi per un suo film da Anything Else nel 2003. E il paragone è tutt'altro che positivo, visto che con Anything Else si tentò per la prima (e ultima) volta l'esordio in ben 1,033 cinema, con un risultato disastroso che portò al veloce smontaggio del film che chiuse sul mercato americano con un totale modestissimo di 3.2 milioni di dollari.
Ma la lezione evidentemente è servita. Midnight in Paris, dopo l'apertura del Festival di Cannes ha esordito in sole sei sale il 20 maggio scorso, ottenendo una delle più alte medie per schermo di tutti i tempi (99,834 dollari). Poi la distribuzione è continuata con la massima prudenza. Il week end successivo (27 maggio) il film si è allargato in 58 sale e quello seguente (3 giugno) in 147 schermi. Sempre con medie superiori ai 50mila dollari per schermo. E con un totale ad ieri di 7,4 milioni di dollari. Domani il grande salto a 944 sale. Per la verità la Sony Classic, che distribuisce il film in Usa, non voleva allargare l'uscita a livello nazionale prima del 24 giugno, ma visti i risultati solidissimi e costanti hanno deciso di anticipare a domani.
La modalità di distribuzione concentrata inizialmente in poche sale metropolitane e poi progressivamente allargata ad altre sale, sempre relative a grandi centri urbani, è un imperativo per la maggior parte dei film d'autore ed in particolare per i film di Woody Allen che storicamente non hanno riscontro presso il pubblico giovanile dei multiplex extraurbani, mentre con un adeguato passaparola riescono a mobilitare il pubblico più adulto delle sale cittadine.
Ma in questo caso, oltre alla qualità della pellicola, sottolineata adeguatamente da tutta la stampa, ci sono altri fattori che hanno giocato positivamente sull'accoglienza del pubblico generico americano, che non è stato mai troppo generoso, come quello europero, nei confronti del regista newyorchese. Uno di questi è senz'altro la presenza nel cast di Owen Wilson, un comico mainstream, non sofisticato, che pertanto come testimonial può rassicurare anche il pubblico meno raffinato sul gradimento del film. L'altro è Parigi, la ville lumière, protagonista del film e dei sogni degli americani. Fatto sta che per la prima volta un film di Woody Allen ottiene risultati importanti anche nei multiplex. Comunque vedremo cosa succede lunedì prossimo. Ma una cosa è certa, con queste prenmesse è molto probabile che il film riesca a superare la soglia complessiva dei 23,2 milioni di dollari, che Woody Allen ha raggiunto ben due volte in passato, con Match Point e con Vicky Cristina Barcelona.

Fonte: Hollywood Reporter

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA