questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Box office Usa: Avatar battuto da Dear John

Attualità, Box Office

08/02/2010

L'evento del week end a stelle e strisce è stato certamente il SuperBowl, con 100 e passa milioni di spettatori incollati davanti alla tv, ma nemmeno il cinema ha perso terreno. Con un colpo di scena: all'ottava settimana Avatar perde il primo posto della classifica, superato da un piccolo ma fulminante dramma romantico: Dear John, diretto da Lasse Hallstrom ed interpretato dagli sconosciuti Amanda Seyfried e Channing Tatum che ha incassato a sorpresa ben 32.4 milioni di dollari. Un vero e proprio exploit, nessuno si aspettava un risultato del genere (il film è costato solo 25 milioni), dovuto ad un eccellente passaparola e soprattutto alla potenza del pubblico femminile, che mentre i maschietti se ne stavano a casa a guardare il SuperBowl alla tv, sono andate in massa a vedere Dear John (che si aggiudica il record di miglior esordio nel week end del SuperBowl). Costato 25 milioni di dollari, è già un successo finanziario.

Avatar scende in seconda posizione con 23.6 milioni di dollari e con un totale ad ieri di 630 milioni di dollari incassati nei soli Stati Uniti, mentre all'estero è stato un altro weekend da record: altri 75 milioni di dollari che aggiunti agli 1,58 miliardi di dollari cumulati sempre ad ieri al di fuori degli Stati Uniti, portano l'incasso totale del film a 2,21 miliardi di dollari globali. Grande delusione invece per From Paris With Love, il thriller con John Travolta che sulla carta doveva essere il vero protagonista del week end. Solo 8.1 milioni di dollari incassati (e con una pessima media per sala al di sotto dei 3mila dollari). Non va molto bene nemmeno all'altro thriller 'blasonato' Edge of Darkness (Fuori Controllo), che uscito da dieci giorni non supera il quarto posto e si deve accontentare di 7 milioni con un totale di trenta milioni. Decisamente poco per il pubblicizzatissimo ritorno all'action di thriller di Mel Gibson. Quinto posto per The Tooth Fairy, che totalizza 34.3 milioni in tre settimane. Sesto, con 5,5 milioni When in Rome, altro flop stagionale che totalizza 20 milioni, seguito con 4,8 milioni da The Book of Eli (Codice Genesi) che raggiunge la discreta cifra di 82.2 milioni di dollari.

Entra in top ten, All'ottavo posto, grazie alle nomination all'Oscar, Crazy Heart, il film con Jeff Bridges che incassa 3.7 milioni di dollari. Al nono posto per Legion, seguito da Sherlock Holmes, che dopo sette settimane supera la soglia dei 200 milioni di dollari negli Stati Uniti.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA