questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Box office Italia: Avatar continua a volare e batte il record di Titanic

Attualità, Box Office

22/02/2010

In Italia è sempre Avatar il dominatore della classifica. Anche se le distanze, rispetto agli altri titoli, si stanno accorciando. Il bollettino di Avatar alla sesta settimana di programmazione è il seguente: 2.8 milioni di euro nel week end, per un cumulo (nelle sale monitorate da Cinetel) di 59 milioni. Significa che su tutto il mercato, aggiungendo una percentuale prudenziale di un altro 10%, il film ha totalizzato presumibilmente circa 64 milioni di euro, e quindi ha battuto il record italiano di sempre detenuto da Titanic con 62 milioni. Attendiamo comunicato della Fox, ma non dovremmo proprio sbagliarci. Buon esordio in seconda posizione di Wolfman (Universal) con circa 2 milioni di euro in quasi 400 sale, alla media di 5mila euro per schermo. Scende in terza posizione con 1,5 milioni (perdendo il 52% rispetto alla scorsa settimana) il mocciano Scusa ma ti voglio sposare che cumula in dieci giorni 5,6 milioni di euro. Molto deboli gli altri esordi del week end, a cominciare da Il figlio più piccolo di Avati, quarto con 958mila euro (ed una media di 3mila euro), e Che fine hanno fatto i Morgan, quinto con 812mila, ed Il Missionario, settimo con 401mila. Stabili Alvin Superstar 2 sesto con 434mila euro ed un cumulo in quattro settimane di 5,5 milioni, e Il Concerto, ottavo con 382mila euro ed un totale, in tre settimane, di circa 1,8 milioni.

Crollo verticale per Amabili resti, che nonostante la firma di Peter Jackson e la nomination di Tucci come miglior attore non protagonista, alla seconda settimana precipita in nona posizione con 338mila euro (-61% rispetto allo scorso week end) e con 1,6 milioni complessivi. Chiude la top ten Baciami ancora, con un totale di circa 9 milioni di euro, mentre continua la discesa verticale di Paranormal Activity, undicesimo (- 78% rispetto allo scorso week end), dopo, comunque, aver portato a casa circa 6,5 milioni di euro.

 

 

Scritto da Piero Cinelli
Tag: non vi sono tags per questo articolo
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA