questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Com’è bello far l’Amore ancora in vetta:  In Time e Paradiso Amaro seguono a ruota

Attualità, Box Office

20/02/2012

La commedia di Fausto Brizzi resiste in vetta alla classifica con 1,5 milioni (e con un calo significativo (-40%) rispetto al week end d'esordio) con un totale in dieci giorni, senza infamia e senza eccessivi entusiasmi, di 4,9 milioni (circa 700mila spettatori). Certamente il 3D non ha significato molto per questa pellicola che ha funzionato bene in 2D, ma senza raggiungere i risultati dei precedenti film di Brizzi. Se il film di Brizzi si rivela inferiore alle aspettative, al contrario l'esordio del fanta-thriller  In Time di Andrew Niccol secondo in classifica con 1.4 milioni di euro  (200mila spettatori), ed una media di quasi 5mila euro per sala, va al di sopra delle aspettative, visto il risultato non esaltante del film in altri paesi. Va molto bene anche a  Paradiso Amaro di Alexander Payne, il film pluricandidato all'Oscar e interpretato da George Clooney una pellicola decisamente meno commerciale e rivolta ad un target più sofisticato che incassa 1.1 milioni di euro (186mila spettatori) alla media di 4.135 euro per sala. Scende in quarta posizione l'altro pluricandidato allìOscar  Hugo Cabret di Martin Scorsese con 1 milione di euro nel week end e 5.3 milioni di euro in poco meno di tre settimane. Ma se Scorsese e Payne funzionano egregiamente, l'altro film pluricandidato agli Oscar e firmato dal grande Spielberg ovvero  War Horse non decolla ed esordisce in quinta posizione con 545mila euro ed una media di circa 2mila euro per sala.

E' veramente singolare come un film sulla carta più autorale e più impegnativo, per quanto ovviamente bellissimo, come Paradiso Amaro riesca a incontrare direttamente il suo pubblico, mentre un altro film apparentemente più facile come War Horse, diretto ad un pubblico familiare e firmato da un regista celebre come Spielberg, venga accolto con minore entusiasmo. Continua, senza fretta, la discesa di  Benvenuti al Nord, sesto con 500mila euro ed un totale di 26,6 milioni, seguito da Tre uomini e una pecora con 479mila euro ed un totale di 1.54 milioni in dieci giorni.  Seguono due pellicole che testimoniano la minore presa degli ultimi tempi del cinema americano nei confronti del pubblico. La commedia Jack and Jill, interpretata da Adam Sandler esordisce in ottava posizione con un modestissimo incasso di 338mila euro (1600 euro di media per sala) e incassati in oltre 200 sale, con una media di nemmeno 2mila euro ed il blockbuster Mission: Impossible Protocollo Fantasma scende in nona posizione con 261mila euro e 5,7 milioni in totale. Chiude la classifica il thriller 40 Carati con 722mila euro in due settimane. Star Wars Episodio I esce dalla classifica con una perdita di circa il 60% di spettatori e con un totale di circa 700mila euro (72mila spettatori)  in due settimane.


Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA