questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Black Swan: la danza non è solo un’arte è una vocazione

Attualità, Interviste, Personaggi

01/09/2010

VENEZIA. Questa affermazione viene dal simpatico talentuoso Vincent Cassel che in Cigno Nero - Black Swan di Darren Aronofsky è il coreografo del New York City Ballet. Film di rara raffinatezza, eleganza, bellezza nell'orrore e nel candore. Black Swan arriverà in Italia distribuito dalla 20th Century Fox nel febbraio del 2011. Intanto un emozionato Darren Aronofsky, Leone d'Oro 2009 per The Wrestler, afferma immediatamente: "Voglio ringraziare Marco Muller e il Festival di Venezia per avermi fatto l'immenso onore di aprire questa manifestazione importantissima e alla quale sono particolarmente affezionato". Una splendida Natalie Portman, con un magnifico vestito viola (è molto intelligente oltre che molto bella e probabilmente per niente superstiziosa) al fianco del regista, Cassel e Benjamin Millepied una vera étoile. Primo ballerino del New York City Ballet che ha seguito le coreografie.

Mister Aronofsky è vera questa analogia tra The Wrestler e Black Swan che in molti abbiamo colto? "Assolutamente sì. Io sono ossessionato dal corpo e mentre giravo The Wrestler ho pensato che questa disciplina ha moltissime analogie con il mondo della danza. Questo è un film sul martirio del corpo per arrivare a un livello superiore rispetto alla vita di un essere umano normale. Non fatene un esempio vi prego. Questa è gente che si fa male, che usa e abusa del proprio corpo. Sono due film paralleli con due stili diversi. Due film sull'intensità del corpo fisico e sull'importanza dell'aspetto fisico".

Per Natalie Portman l'applauso sembra quasi infinito e la ragazza dall'aspetto fragile e dalla determinazione di ferro ci racconta: "Io e Darren abbiamo parlato per la prima volta di questo film nel 2002. Diciamo che questi sette anni di gestazione mi sono stati molto utili. Poi quando il progetto ha preso piede ho iniziato a prendere lezioni di danza classica per 5/6 ore al giorno e il tempo rimanente facevo nuoto, quindi la preparazione fisica è stata durissima ma molto interessante, mi sentivo invincibile. Mi sembrava di avere una forza sovrumana perché sono entrata in pieno nell'ossessione, nel senso estremo con cui fanno tutto i ballerini. Pensano solo alla danza. E' vero quello che dice Vincent è una vocazione, come chi sceglie di fare il prete. E, tra l'altro, i ballerini sono pagati malissimo".

Che cosa avete fatto per preparavi alla rappresentazione di Il Lago dei Cigni, siete andati in Russia, la patria non solo di Ciaikovskij - la cui musica fa un effetto che toglie il fiato - ma anche della danza classica...

"Io e Benjamin - ci dice Aronofsky - siamo andati al Bolshoi a vedere una rappresentazione di Il Lago dei Cigni, poi ho avuto l'onore di incontrare la prima ballerina dietro le scene e mi sono trovato davanti ad una: Divinità. I ballerini hanno qualcosa di divino. Il prezzo da pagare è altissimo ma quello che diventano è inarrivabile per la maggior parte dell'umanità".

"Sono d'accordo - continua la Portman - sono creature eteree, trascendono la normalità. Attraverso il loro corpo arrivano al divino, ad una forma superiore. Come chi fa meditazione, chi riesce ad entrare in mondi paralleli passando prima con il corpo, poi la mente e l'anima che si fonde con l'Universo. Tutti e tre queste forme di vita non si devono dividere mai. Mi attraeva anche del mio ruolo questa attrazione narcisistica che Nina sviluppa e, alcontempo, questa repulsione totale di sé. Infatti i più superficiali che hanno parlato solo della scena saffica tra me e Mila Kunis non hanno capito molto del film... Primo perché il film è molto di più di questo ma perché Nina fa l'amore con se stessa. Lei vorrebbe compiacere tutti, piacere a tutti, soddisfare le sue ambizioni senza schiacciare le altre (Cigno Bianco) ma è una che vuole anche il piacere per sé ed è disposta a dare la vita, sua o di altri, per ottenerlo (Cigno Nero). Una dualità che tutti possiamo comprendere".

 

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA