questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Berlino: si parte oggi

Attualità, Eventi

06/02/2014

Nessuna pellicola italiana in concorso. Omaggio a Philip Seymour Hoffman che nel 2000 partecipò con due film: Il talento di Mr. Ripley e Magnolia, vincendo l’Orso d’oro per quest’ultimo. 400 titoli sparsi nelle varie sezioni, di cui 20 film in concorso. 

Apre il sipario stasera con  l’anteprima di The Grand Budapest Hotel, la 64^ edizione della Berlinale. Una manifestazione che grazie al timing di febbraio ed alle scelte della direzione di Dieter Kosslick è diventata una delle più importanti non solo d'Europa. Circa 400 pellicole con alcuni top title, tra cui fuori concorso la proiezione integrale del danese in odore di scandalo  Nymphomaniac di  Lars Von Trier con Charlotte Gainsbourg, poi la rivisitazione live action della favola La bella e la Bestia con Léa Seydoux e Vincent Cassel, l'australiano The Turning, composto da 17 corti di registi australiani tra cui l’esordiente alla regia Cate Blanchett, e il film forse più atteso di tutti: The Monuments Men, di e con George Clooney, ambientato durante la II Guerra Mondiale, con un cast stellare composto da Bill Murray, Matt Damon, John Goodman, Jean Dujardin. 20 film in concorso tra cui Boyhood dell’americano Richard Linklater con Patricia Arquette ed Ethan Hawke, The Little House del giapponese Yoji Yamada, Aimer, boire et chanter (Life of Riley) del maestro Alain Resnais, Aloft di Claudia Llosa con Jennifer Connelly, Cillian Murphy e Melanie Laurent, il film di aperturaThe Grand Budapest Hotel. oltre a 4 film tedeschi Die geliebten Schwestern, Jack, Kreuzweg (Stations of the Cross), Zwischen Welten (Inbetween Worlds)

The Grand Budapest Hotel, diretto da Wes Anderson (Moonrise Kingdom e I Tenenbaum) è una commedia corale ambientata nel 1927 in un lussuoso albergo ungherese. Una pellicola scoppiettante con un cast ricchissimo che accanto ai tre interpreti principali ovvero Ralph Fiennes, Bill Murray e Saoirse Ronan, vede la partecipazione di un un supercast  di contorno: Edward Norton, Jude Law, Willem Dafoe, Harvey Keitel, Tilda Swinton, Adrien Brody, Jason Schwartzman, Jeff Goldblum, Mathieu Amalric, Owen Wilson … tutti da scoprire dietro i vestiti e le acconciature dell'epoca.  

Attesi sul red carpet di Postdamer Platz George Clooney, Matt Damon, Uma Thurman, Edward Norton, Tilda Swinton, Charlotte Gainsbourg, Bill Murray, Ralph Fiennes, Léa Seydoux, Rosario Dawson, Cate Blanchett, Catherine Deneuve, Christian Bale, Viggo Mortensen.

Dopo l'Orso d'Oro nel 2012 con Cesare deve morire dei fratelli Taviani nessun film italiano è stato selezionato per il concorso, ma tra le varie sezioni l'Italia  è presente  nella sezione Panorama con In grazia di Dio di Edoardo Winspeare e sempre nella sezione Panorama dedicata ai documentari Felice chi è diverso di Gianni Amelio, storia dell'omosessualità in Italia dagli inizi del secolo fino agli anni ’80.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA