questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Benvenuti al Nord: da Milano a Lodi

Attualità

19/07/2011

Dopo il Pirellone e Piazza Duomo per il regista Luca Miniero e la troupe di Benvenuti al nord, sequel di Benvenuti al sud, prodotto da Medusa con Cattleya, le riprese si sono spostate a Lodi.
Il cast è lo stesso del primo film, da Angela Finocchiaro a Valentina Lodovini, a Nando Paone, Giacomo 
Rizzo e Nunzia Schiano. New entry il comico Paolo Rossi, nell'inedito ruolo di un tagliatore di teste, incaricato dalle  Poste italiane, dove i protagonisti lavorano, di sviluppare ''il progetto sperimentale 'E.R.P.E.S', sigla che sta
per Efficienza, Rapidita', Puntualita', Energia e Sorriso'', "una specie di Marchionne con il fisico di Brunetta" ha spiegato l'attore.
Soddisfatto Luca Miniero di tornare con un sequel: ''E' stato un rischio anche fare, con Benvenuti al sud, il
remake di Giù al nord di Dany Boon, ma il successo mostra che il nostro film aveva una sua anima. Non mi preoccupa il sequel, perchè esaurisce un capitolo rispetto all'altro film''.
Il set è all'interno dell'auditorium della Banca Popolare di Lodi, progettata da Renzo Piano e trasformata dalla produzione in un ufficio postale.
 
''Si è parlato molto di rivincita della commedia italiana - dichiara Bisio - e noi abbiamo contribuito. Speriamo di andare un passettino oltre con Benvenuti al nord, che parte da una storia originale, tutta italiana''. Mentre nel primo film ''la dominante era l'uomo del nord che superava i suoi pregiudizi sul sud e se ne innamorava, stavolta il senso è che se sud e nord collaborano, si migliorano vicenda - spiega il regista -. Nel film poi si raccontano tante anime di Milano, quella dei grattacieli fronteggia quella delle latterie''.
 Se ‘Benvenuti al Sud’ era incentrato sul «superamento dei pregiudizi di un uomo del Nord verso il Meridione», ha commentato Miniero, il tema portante del sequel è «la collaborazione delle due parti che, unite, risultano vincenti». 
Il budget per le riprese è di poco superiore ai 6 milioni di euro (contro i 4,5 milioni di euro spesi per ‘Benvenuti al Sud’, che nell’autunno 2010 ha incassato 32 milioni di euro).  
Questo secondo episodio inizia a circa due anni di distanza dalle vicende di ‘Benvenuti al Sud’con Alberto (Claudio Bisio) e Mattia (Alessandro Siani) in crisi con le rispettive mogli (Silvia-Angela Finocchiaro e Maria-Valentina Lodovini). La storia inizia allorché il campano Mattia (Siani) si trasferisce nel capoluogo lombardo per lavoro e ritrova l'amico Alberto (Bisio), che come lui è in crisi coniugale. Mattia è accusato dalla moglie Maria (Lodovini), che gli ha dato un bambino, di sfuggire alle responsabilità, mentre Silvia (Finocchiaro), rimprovera ad Alberto di dedicarsi solo al lavoro. ''I due riusciranno quasi a scambiarsi i ruoli'' anticipa Miniero. I pregiudizi restano rappresentati ''da un personaggio nuovo, Erminia, la mamma razzista di Silvia, che interpreto sempre io'', afferma Angela Finocchiaro.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA