questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Bastardi senza gloria: la recensione

22/09/2009

Quentin Tarantino, come in 'Kill Bill', torna a raccontare una storia di vendetta. Eccezionale Christoph Waltz nei panni del colonnello Landa, ma Mélanie Laurent in quelli di Shosanna lo è altrettanto. La colonna sonora vira al western la vicenda ambientata durante la Seconda guerra mondiale.

 

Campagna francese, 1941: una ragazza ebrea, Shosanna Dreyfus (Mélanie Laurent), sfugge per un pelo ai nazisti che riescono a sterminare il resto della sua famiglia. A guidarli è il crudele colonnello delle SS Hans Landa (Christoph Waltz), soprannominato il 'Cacciatore di ebrei'. Parigi, 1944: Emmanuelle Mimieux, alias Shosanna Dreyfus, gestisce un cinema. Un eroe di guerra tedesco, Fredrick Zoller (Daniel Brühl), si invaghisce di lei e inizia a farle la corte, fino a fare pressioni su Goebbels (Sylvester Groth) per spostare proprio nel suo cinema la prima del film che lo vede protagonista nel ruolo di se stesso.

 

Alla serata è prevista la partecipazione di molti alti ufficiali dell'esercito tedesco, nonché di Hitler (Martin Wuttke) in persona: Shosanna decide così di sfruttare l'occasione per dare alle fiamme il cinema e vendicarsi di Landa e dei nazisti. Allo stesso piano stanno lavorando anche i 'Bastardi' del tenente Aldo Raine (Brad Pitt), una squadra di soldati americani ebrei che catturano e sterminano i nazisti con metodi brutali quali scalpi e svastiche incise sulla fronte. Hitler crede addirittura che quello che si fa chiamare 'Orso ebreo' (Eli Roth), la cui arma preferita è una mazza da baseball, sia un golem_

Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA