questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Aspirante Vedovo: un uomo e una donna in guerra

08/10/2013

"La lezione della commedia all'Italiana ancora oggi può essere fatta propria dai registi che mirano a divertire e a intrattenere il pubblico." Massimo Venier, autore di Aspirante Vedovo non ha dubbi "In un momento in cui una commedia più semplice non incontra più il favore del pubblico, ecco che bisogna ambire a storie più complesse, sperando che incontrino un certo successo." Prodotto da Beppe Caschetto per IBC Movie, distribuito da 01 distribution, il film che ha per protagonisti una sulfurea Luciana Littizzetto e un diabolico Fabio De Luigi è ispirato a Il Vedovo film diretto da Dino Risi con Franca Valeri e Alberto Sordi. Una storia che viene modernizzata e riportata ai giorni nostri dove i due protagonisti sono circondati da un mondo in cui le tematiche dell'oggi, dalla crisi all'immigrazione vengono rilette in una chiave nuova, al limite della black comedy e quasi al confine del politicamente scorretto.

Un film che, fortunatamente, non si pone troppi limiti e punta a divertire il pubblico 'ad ogni costo'. Luciana Littizzetto che nel film intepreta un'imprenditrice senza scrupoli, ma stranamente ossessionata dal rifiutare l'idea del fallimento del proprio matrimonio dice  “E' un film molto lontano da quelli che facciamo di solito. Leggendo il copione mi sono accorta di come all cinema come in televisione siamo schiacchiati dal politically correct. Non si fanno più commedia nere e la speranza è che, sulla scia dell’entusiasmo per Aspirante vedovo, i ragazzi possano rivedere tutte le grandi commedie all’italiana del passato”

Un'idea condivisa anche da De Luigi che spiega "Sarebbe bello se i ragazzi dopo avere visto questo film decidessero di andare a scoprire il nostro cinema del passato. Questo è uno dei motivi che mi ha spinto a interpretare questa parte. Un omaggio al grande passato, ma riletto in chiave nuova e più vicina ai giorni nostri.
Del resto non abbiamo mai voluto provare a fare il remake di un film “perfetto” e, soprattutto, nessuno di noi ha mai pensato di volersi paragonare a leggende come Alberto Sordi o Franca Valeri. Il nostro desiderio era quello di riprendere una storia molto divertente e riproporla al pubblico di oggi.” 

Luciana Littizzetto conclude "Ho fatto fatica a raccontare tanta cattiveria. Trovo insopportabili le donne di potere, le cosiddette  "donne con le palle". Sono quelle a cui a un certo punto le tette sono cadute per andarsi a posizionare più in basso. Eppure di donne così ne è pieno il mondo e io proprio non capisco come facciano ad essere così perfette. Sono sempre ben truccate, indossano tailleur impeccabili. Forse dormono meno di noi, forse sono bioniche."

Scritto da Marco Spagnoli
Tag: non vi sono tags per questo articolo
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA