questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Anteprima di World War Z: Per favore non mordeteci sul collo

Attualità

24/04/2013

Uscirà il 27 giugno lo spettacolare horror basato sul libro di Max, figlio di Mel Brooks La guerra mondiale degli Zombie interpretato – tra gli altri - da Brad Pitt che ne è anche il produttore,  dalla star di Lost, Matthew Fox e da Pierfrancesco Favino intitolato World War Z per la regia dell’autore dalla  Neverland, Quantum of Solace Marc Forster. “Uno dei film più importanti dell’anno che consideriamo decisamente sorprendente e da cui aspettiamo un risultato importante vista la sua grande qualità visiva e narrativa.” Ha detto Richard Borg, Amministratore Delegato di Universal Pictures presentando quaranta minuti di footage alla Casa del Cinema di Roma in un’anteprima riservata alla stampa e agli addetti ai lavori dell’industria cinematografica. Sequenze dai contenuti altamente spettacolari che mostrano la triste storia di quella che, inizialmente, viene considerata come un’epidemia di rabbia e che deve essere fermata in una sorta di ‘caccia al tesoro’ intorno al mondo cui Brad Pitt, un ex specialista dell’ONU per le epidemie come l’Ebola prova a cercare una cura. “E’ una vera e propria corsa contro il tempo quello che il protagonista del nostro film intraprende per salvare l’umanità e farla restare così come la conosciamo.” Dice il regista ancora al lavoro sulla postproduzione per quello che riguarda i complicatissimi effetti visivi. Gli zombie di World War Z, infatti, sono violentissimi e velocissimi. Sembrano quasi delle cavallette e la sequenza iniziale a Philadelphia e dei tumulti che travolgono come un fiume in piena l’intera città, risulta non solo spettacolare, ma anche inquietante. Una flotta dell’ONU al largo delle Bermuda è l’ultimo avamposto mondiale dove un governo o qualcosa di simile prova a decidere cosa fare cercando di fermare un’epidemia. Nei minuti presentati a Roma, vediamo Brad Pitt viaggiare dagli Stati Uniti alla Corea fino ad arrivare in Israele alla ricerca di risposte contro quello che sembra, per il momento, una minaccia imbattibile. La trasformazione degli esseri umani in Zombie ha qualcosa di cinematograficamente decisamente nuovo e spaventoso, per la violenza e la rabbia che questi nuovi esseri chiamati ‘Zekes’ dimostrano. Le armi convenzionali, infatti, sembrano riuscire a fare poco e soltanto il ragionamento può, forse, provare a fermare il morbo che si sta diffondendo in maniera rapida e dolorosissima.

Il film sarà proposto al pubblico in 3D e, senza dubbio, i sentimenti di paura e angoscia comunicati dalle immagini viste alla Casa del Cinema saranno enfatizzati dalla tecnologia, dando la sensazione che quei morsi possano arrivare – magari anche no – agli spettatori in sala per quello che certamente si propone come l’horror più spettacolare sugli zombie degli ultimi anni.

Scritto da Marco Spagnoli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA