questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Angelina Jolie fuori dalla Bosnia!

Attualità, Personaggi

19/11/2010

Ancora guai per Angelina Jolie sul set del suo primo film (ancora senza titolo) da regista, ambientato durante le guerra del 1992 in Bosnia.

Prima dell'inizio delle riprese l’Associazione delle donne vittime di Guerra e il ministro della Cultura della Federazione croato-musulmana, Gavrilo Grahovacsi si erano opposti alla lavorazione del film, credendo che la trama fosse incentrata su una storia d'amore fra una donna bosniaca vittima di violenza e il suo violentatore serbo. Questa reazione non aveva destato sorprese, dato che durante gli anni della guerra moltissime donne, purtroppo, erano rimaste vittime di atroci violenze da parte dei serbi, e una storia in cui il carnefice e la vittima s’innamoravano, oltre a essere di cattivo gusto, oltraggiava il doloroso ricordo  delle vittime.

I seguito alle proteste, le autorità bosniache avevano revocato i permessi per le riprese sul territorio. La Jolie aveva immediatamente cercato un contatto con queste associazioni, nel tentativo di chiarire i dubbi riguardo alla trama (la storia avrebbe raccontato un'amore tra una donna musulmana Zana Marjanovic e un uomo serbo, Rade Serbedzija).

La situazione sembrava rientrata e Angelina era comunque riuscita a ottenere il permesso per registrare la seconda parte del suo film in Bosnia. Le riprese si erano spostate in Ungheria, dove in principio dovevano essere girate solo delle scene secondarie. Le polemiche non si sono fermate così a causa delle insistenti critiche da parte delle associazioni, il planning delle registrazioni, che prevedeva dieci giorni di permanenza in Bosnia, è stato ridotto a tre giorni. Il produttore bosniaco della pellicola Edin Sarkin ha espresso ora il desiderio di non spostare il set in Bosnia e di terminare le riprese in Ungheria. Questa decisione, ha precisato il produttore, sarebbe arrivata direttamente dai produttori americani, dopo la revoca temporanea dei permessi.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA