questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

America Ferrera: Ugly Betty contro i Draghi

Attualità, Interviste, Personaggi

13/04/2010

Il grande pubblico l’ha conosciuta attraverso la popolare serie televisiva in onda su Fox del pacchetto Sky in cui interpreta una ragazza ispanica non particolarmente avvenente alle prese con il mondo dell’editoria e della moda.

America Ferrera, però, prima di Ugly Betty ha avuto una serie di esperienze diversissime nel campo del cinema e della televisione e adesso, nonostante l’impegno per il suo ruolo continua a diversificare le proprie esperienze in campo lavorativo.

Così, mentre inizia timidamente a produrre alcuni progetti America Ferrera è anche la voce della protagonista femminile di Dragon Trainer. “E’ stata un’avventura interessante". Spiega l’attrice “Del resto io mi sento sempre attratta da quello che non ho mai fatto prima e per me non importa se si tratti di una serie Tv o di un grande film d’animazione spettacolare e commovente come Dragon Trainer. Il mio approccio resta sempre lo stesso".

Cosa significa doppiare il personaggio di un film d’animazione?

Recitare solo con la propria voce è una sfida del tutto nuova. Bisogna farci un po’ l’abitudine, soprattutto perché per la maggior parte del tempo tu non hai nessun altro attore al tuo fianco e devi totalmente immaginare la scena nella tua testa. L’immaginazione e la fiducia nei registi sono imprescindibili per ottenere un certo risultato.

Come si è avvicinata ad Astrid?

E’ stato un lavoro abbastanza lungo. Tre anni fa ho registrato alcune sessioni insieme a Jay Baruchel che nel film interpreta la voce di Hicup e l’interazione con lui mi è stata grande aiuto per dare un certo tono alla mia recitazione che poi ho continuato a mantenere successivamente quando ho registrato da sola le altre parti del film. In quel momento, infatti, ho potuto capire quale fosse il livello di energia e il temperamento del mio personaggio.

Dragon Trainer non è il suo primo film animato: qualche tempo fa ha prestato la voce a Campanellino in uno spin off delle avventure di Peter Pan. Interessante, perché originariamente – come sappiamo – questo è un personaggio muto…

Quella è stata un’esperienza completamente differente. Il ruolo era molto più piccolo e in più la produzione aveva un’idea molto chiara di quello che voleva ottenere da ogni personaggio. Non c’era nessuno spazio per l’improvvisazione dal punto di vista creativo ed essendo stata in assoluto la mia prima esperienza nel campo del doppiaggio legato all’animazione ho preferito attenermi scrupolosamente alle indicazione ricevute. Ho permesso loro di guidarmi nel dare quello che volevano.

In Dragon Trainer, invece?

Abbiamo lavorato insieme in un processo di sviluppo di Astrid: il film è cambiato molto dall’inizio. Perfino le immagini si sono evolute in una direzione differente nel corso del tempo. Infatti, io ho, addirittura, registrato due versioni della voce del mio personaggio: in una ero molto più incavolata ed aggressiva. Questo perché è in base alla tua interpretazione che poi gli animatori danno forma alla storia e al tuo personaggio. In questo senso il mio compito di attrice è stato quello di dare loro tutto quello che volevano per metterli in condizione di avere la più ampia scelta possibile.

 

Scritto da Marco Spagnoli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA