questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Al Pacino, altra star di Venezia 68 da Scarface a Oscar Wilde!

Attualità

25/08/2011

In questi giorni sono apparse su moltissimi siti e giornali foto di Al Pacino durante la festa che hanno fatto in onore di una nuova uscita nelle sale statunitensi di Scarface. Foto che mostravano l’attore assolutamente divertito e molto ironico avendo rimesso i panni che furono di Tony Montana, tamarro più che mai, anche in virtù del tempo che è trascorso, visto che il film di Brian De Palma è del 1983.

Insomma per i 30 anni dall’uscita di questo cult hanno deciso di celebrarlo con una riprogrammazione nei cinema e dal 6 settembre con una edizione speciale del film in Blu-Ray.

Ma al Pacino si sta preparando a sbarcare a Venezia dove, Fuori Concorso, presenterà Wilde Salome, una sua reinterpretazione della Salomé di Oscar Wilde. Un lavoro che ricorda Looking for Richard, straordinario viaggio all’interno del Riccardo III di William Shakespeare che Pacino diresse e interpretò nel 1996.

Protagonista del suo ultimo lavoro è la splendida Jessica Chastain, lanciata da Terrence Malick nel capolavoro The Tree of Life, il film passerà il 4 settembre e lo stesso giorno l’attore riceverà in Sala Grande, il premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2011. Ad accompagnarlo ci sarà proprio Jessica Chastain. Pacino definisce il film il suo: "Il progetto in assoluto più personale che ho realizzato fino ad ora e in nessun altro luogo che non sia Venezia avrei sperato di presentare Wilde Salome, proprio per la sua ricca storia artistica. E' un'esplorazione nel mondo di Oscar Wilde artista e nell'opera Salomé, l'emancipazione di un lavoro che continua a vivere ed è più che mai attuale ed estremamente interessante per i tempi in cui viviamo".

Il suo ruolo nel film, autobiografico, è duplice: è se stesso e il re Erode. Wilde Salome conduce Pacino in giro per il mondo, a Londra Parigi, Dublino, New York, Los Angeles, e dentro il suo camerino, niente appare off limits mentre Pacino esplora le complessità del dramma di Wilde, nonché i processi e le tribolazioni che hanno segnato la vita dello scrittore, offrendo al tempo stesso uno sguardo senza precedenti anche sulle proprie.

Un’opera che si presenta in maniera davvero personale, intrigante e assolutamente da vedere.
Prossimo aggiornamento dal Festival di Venezia.

Attenzione: il video è stato inserito con due volte la medesima intervista!

http://www.youtube.com/watch?v=Hld0m_V7y5Y&feature=related

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA