questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Al FFF la Disney presenta una master class digitale su Captain America The Winter Soldier

Attualità, Eventi

03/04/2014

Tra gli eventi speciali del Future Film Festival oggi si è svolta una interessante masterclass con Davide Romani, Head of Marketing Theatrical e Stefano Bethlen, Head of Theatrical della Walt Disney Company Italia. I due artefici delle campagne pubblicitarie più rilevanti del cinema Disney, hanno presentato le strategie social e digital utilizzate dalla più importante società di animazione americana per la promozione dell’ultimo successo targato Marvel, Captain America:The Winter Soldier. Vi siete mai chiesti come funziona la campagna di lancio di un blockbuster? Dopo aver mostrato un video di presentazione della Walt Disney Company, fondata nel 1923 come The Disney Brothers Studio, Stefano Bethlen ha dichiarato che oggi la Disney è il 17° brand al mondo e il 1°  brand per quanto riguarda il settore dell’intrattenimento. Facile immaginarlo, visto le numerose aree tematiche in cui questa azienda opera, come parchi di divertimento, cinema, televisione, internet e tante altre attività che coinvolgono da sempre un pubblico numeroso di fedeli e nuovi appassionati. Davide Romani ha presentato le linee guida della digital campaign messa in atto per il lancio di un film di rilievo come Captain America: The Winter Soldier, analizzando le diverse fasi del processo.

Dapprima c’è la Distribuzione, fase in cui si studia la competition landscape, ovvero il calendario dei film in uscita, per controllare i possibili concorrenti del film Disney in programma. “Nel caso di Captain America: The Winter Soldier i possibili concorrenti sono Divergent, considerato il nuovo Twilight, Amici come noi indirizzato ad un pubblico di ragazzi e Noah, il grande kolossal Universal in arrivo nelle sale due settimane dopo. Captain America fa parte degli Avengers, quindi si porta dietro il lavoro fatto in occasione di quel film. Il marketing di questo film richiede di re-introdurre un nuovo Captain America. Venendo dal primo, ambientato nella seconda guerra mondiale, ora diventato più moderno e cool, non siamo di fronte ad classico film da supereroi, ma più ad un thriller ed una spy story, quindi occorreva riposizionarlo. Però il target è sempre lo stesso, maschi di 13-34 anni fino a 13-49 e famiglie con bambini 8-12 anni, oltre ovviamente ai moviegoers” ha spiegato Romani, aggiungendo che il film è stato lanciato in tre fasi, prima con dei teaser poster che hanno svelato gradualmente l’identità del protagonista e poi con quello definitivo o pay off poster.

Segue poi la fase Digital, ovvero l’inizio del marketing social, attraverso il social engagement, che prevede la promozione del film su tutti i social network, come Facebook, Twitter, e il canale Youtube Marvel. Su Facebook hanno attivato la pagina Marvel o pagina di franchise, la pagina generale di The Avengers che funziona come punto di riferimento, e la Pagina di Captain America che ad oggi ha raggiunto ben 250.000 fan. “Il record è stato raggiunto con Iron Man. Tuttavia su queste pagine rileviamo una media di 50.000 utenti attivi, quindi c’è un team dedicato che si occupa della gestione dei contatti, commenti e le varie interazioni” ha precisato Romani. Per mostrare il canale Youtube ufficiale della Marvel, che è in continua crescita, è stato proiettato l’ultimo trailer del film Marvel di prossima uscita, I Guardiani della Galassia, film che, dalle prime immagini, si preannuncia ricco di azione ma anche di una forte carica di humour.

La fase centrale e più attiva, che coinvolge il pubblico del web e non solo, è il Digital Engagement, che comprende varie operazioni ideate per una partecipazione interattiva degli appassionati del film. Tra questi ci sono concorsi, come “Vota il tuo Blogger”, in cui la gente è chiamata a votare il suo blogger preferito che ha scritto la migliore recensione o articolo sul film in promozione, e il vincitore conquista degli ingressi all’anteprima del film Marvel successivo. Di grande effetto è la creazione di video dall’aspetto anche amatoriale, ma che per originalità e simpatia diventano virali e comunque fanno parlare del film. Per esempio Romani e Bethlen mostrano in sala alcuni video realizzati da Scuola Zoom! che contano ben 20.000 visualizzazioni: un Captain America che offre bevande fresche servite sul suo scudo in piazza Duomo a Milano, o un Captain America che non trova più il suo scudo e si scopre che lo stava utilizzando la compagna per tagliarci le verdure per la cena.

Oltre al classico strumento della Newsletter, poi c’è poi il #CUPPUPPETTTOUR, ovvero la realizzazione di un piccolo pupazzo che ricrea Captain America, che viene poi mandato in vari eventi e mete in tutta Italia, facendolo fotografare in varie situazioni, come il Moto Days di Roma o Cartoomics di Milano. Infine l’online media investment, ovvero l’acquisto di banner, video box, skin e altre soluzioni pubblicitarie su alcuni siti web generalisti, di sport o di cinema. “Quando si va su un sito e si vede questo tipo di pubblicità, si dà importanza al film e si suggerisce che vale la pena andarlo a vedere” ha precisato Romani in chiusura. La Walt Disney Company ha origini ormai lontane, ma ha sempre cavalcato l’onda del successo e dell’apprezzamento di un pubblico vasto e di varie generazioni. Oltre ai film d’animazione i film sui supereroi occupano una fetta molto importante e la sala piena del Future Film Festival ha trovato interessante comprendere la strategia commerciale che si nasconde dietro ad un film di grandi numeri. Spazio anche al divertimento con un Business Game su Twitter per i presenti in sala alla fine dell'incontro, ai quali è stata lanciata la sfida di sintetizzare il comunicato stampa relativo al nuovo film Maleficient con Angelina Jolie in due tweets creativi e comunicativi e i vincitori hanno portato a casa dei biglietti omaggio per il cinema.

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA