questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Addio ad Alberto Bevilacqua

Attualità

09/09/2013

L'artista, scrittore, regista, sceneggiatore, Alberto Bevilacqua, è venuto a mancare questa mattina a Roma. Ricoverato presso la Casa di Cura Villa Mafalda, da circa un anno, è la stessa clinica che la compagna Michela Miti, ha denunciato presentando un esposto alla Procura di Roma, accusandoli di aver tratto in ostaggio Bevilacqua, vistosi impossibilitato nel trasferirsi in una struttura pubblica. Il Pm ha aperto un'inchiesta ancora in corso.
Bevilacqua ha passato la sua vita fra la scrittura e il cinema, debuttando giovanissimo come autore e divenendone uno dei più affermati del settore. Adatta per il cinema il suo romanzo "La Califfa", riscuotendo un grande successo sia per il libro che per il film, replica nel 1972 dirigendo "Questa specie d'amore" tratto dal suo romanzo vincitore del Premio Campiello, che vede Ugo Tognazzi protagonista, trionfare ai David di Donatello come Miglior Film. La carriera da regista del grande artista ha poi proseguito con pellicole come: Bosco d’amore (1981), una serie tv con Franco Nero; Attenti al buffone (1975) con la coppia Nino Manfredi e Mariangela Melato; "Le Rose di Danzica" (1981); "LA donna delle meraviglie" (1985) con la superba Claudia Cardinale; "Tango Blu" (1987) con il comico Franco Franchi; infine "Gialloparma" (1999) forse l'opera cinematografica più famosa. E' un anno di grandi perdite questo 2013, Bevilacqua "sceglie" per salutare tutti, lo stesso giorno in cui ci se ne andò Lucio Battisti nel 1998.

Scritto da Sonia Serafini
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA