questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

A Lucia Mascino il Premio Vittorio Mezzogiorno

Attualità

22/07/2010

Giunto alla quinta edizione, Il Premio Vittorio Mezzogiorno, sarà consegnato da Giovanna Mezzogiorno a Lucia Mascino e La Compagnia Teatro di Legno durante la serata del 25 luglio presso l’Arena Alberto Sordi della Cittadella del Giffoni Film Festival che quest’anno festeggia la 40esima edizione.

Il riconoscimento, fortemente voluto dalla figlia Giovanna, è stato istituito nel 2004 a dieci anni dalla prematura scomparsa del padre e viene conferito all’attore,  all’attrice o alla compagnia teatrale emergente con l’obiettivo di favorirne il personale percorso formativo e lavorativo. I premi consistono in due somme in denaro di 5.000 euro ciascuno.

La giuria presieduta da Giovanna Mezzogiorno, dalla madre Cecilia Sacchi e dagli sceneggiatori Dino e Filippo Gentili ha espresso le seguenti motivazioni:

A Lucia Mascino, giovane attrice che si è contraddistinta negli ultimi anni a  teatro recitando  con registi del calibro di Filippo Timi, Valerio Binasco, Giorgio Barberio Corsetti; al cinema con "Un altro pianeta", opera prima di T. Tummolini acclamata al Festival di Venezia e al Sundance Festival, e in numerose serie televisive. Ogni volta Lucia ha saputo far vivere i personaggi interpretati con una tecnica straordinaria, una toccante resa emotiva e una versatilità fuori del comune.

Alla compagnia teatrale Teatro di Legno che, dal 2003 quando fu fondata da Luigi Imperato e Silvana Pirone, ha dato vita a spettacoli magnifici nel segno di un teatro coraggioso e innovativo, svolto in luoghi canonici e non, di una drammaturgia originale ma in un costante dialogo con la tradizione, facendo leva su attori provenienti da esperienze diverse ma impeccabilmente amalgamati.

Il Premio Speciale Vittorio Mezzogiorno, che consiste in un'opera dello scultore napoletano Lello Esposito, è stato assegnato a Gianni Minà.

Autore televisivo, conduttore, intervistatore, giornalista, scrittore, regista, saggista, curatore editoriale, non c’è campo della comunicazione che Gianni Minà non abbia frequentato, animato e rinnovato nei cinquant’anni della sua straordinaria carriera. Così come vasti e trasversali per generi, aree geografiche ed epoche storiche, sono stati i temi toccati dalla sua penna e dalla sua parola: dallo sport alla musica, dalla politica alla società, in uno sguardo che ha saputo abbracciare il mondo, a cominciare dalla sua amata America Latina. Minà è rimasto sempre se stesso: umano, curioso e libero. Col suo sorriso inconfondibile, con la sua capacità di sentirsi dovunque a casa,  ha saputo rendere “normali” fatti e personaggi che non lo erano. E farli arrivare a tutti noi con una semplicità che nasconde un grande scavo, una grande erudizione e che è il tocco dei maestri.

Le edizioni precedenti del Premio Vittorio Mezzogiorno è stato vinto da: Ascanio Celestini, Teresa Saponangelo, Cristiana Capotondi, Davide Enia, Valerio Mastandrea, Federica Festa, Arturo Cirillo, Elena Borgogni, Oscar De Summa, Mirko Feliziani e Angelo Romagnoli.

Il Premio Speciale è stato assegnato a Michele Placido e a Raffaele La Capria.

 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA