questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

56 Semana Internacional de Cine di Valladolid - “Habemus papam”

Attualità

21/10/2011

Sarà Nanni Moretti con “Habemus papam” a inaugurare domani la 56 Semana Internacional de Cine di Valladolid (22/29 ottobre). Lo presenterà il regista Bigas Luna, padrino di questa edizione, nello storico e ristrutturato Teatro Calderòn. Il regista romano torna a Valladolid dopo alcuni anni e si tratterrà tre giorni per adempiere a un folto carnet di incontri e di interviste. Dopo di lui si avvicenderà uno stuolo di cineasti famosi, dai fratelli Luc e Jean-Pierre Dardenne all'attrice Maribel Verdù e al produttore Enrique Gonzàlez Macho che saranno insigniti delle Espigas de Honor. Prestigiosa rassegna di cinema nata negli anni '50, seconda in Spagna soltanto al Festival di San Sebastiàn, la 56 Seminci si suddivide tra numerose sezioni sulle quali primeggiano le tre di concorso: sezione ufficiale, Punto de Encuentro, e la sezione dei documentari Tiempo de Historia. Nella ufficiale sono attesi tra gli altri i registi Nicolàs Gil Lavedra con “Verdades verdaderas. La vida de Estela” (Vere verità. La vita di Estela); Geoffrey Enthoven con “Hasta la vista” (Arrivederci); Kevin Scott con la commedia “Starbuck”; Xavier Durringer con “La conquête” (La conquista) interpretato da Denis Podalydès. Tra gli inediti tre film spagnoli con i rispettivi cast: “El perfecto desconocido” “il perfetto sconosciuto” di Toni Bestard con Colm Meaney, Ana Wagener, Natalia Rodrìguez; “De tu ventana a la mìa” (Dalla tue finestra alla mia) di Paula Ortiz con Maribel Verdù, Leticia Dolera, Luisa Gavasa; “Medianeras” (Mediatrici) di Gustavo Taretto con Pilar Lòpez de Ayala e Javier Drolas. Gli spettatori avranno anche l'occasione di vedere “Veljekset” di Mika Kaurismaki e alcuni film provenienti da altri festival, da “In Darkness” (Nell'oscurità) di Agnieszka Holland a “Monsieur Lazhar” (Il signor Lazhar) di Philippe Falardeau. Film di chiusura, “Superclàsico” di Ole Christian Madsen. Nella sezione Punto de Encuentro sono attesi Sophie Auster, figlia dello scrittore, e James Jagger figlio di Mick Jagger, protagonisti del film “Stealing Summers” di David Martìn Porras; Andrey Bogatyrev con “Buggy”; Maru Solores con “Camera Obscura); Pablo Perelman con “La lecciòn de pintura”; Demian Sabini con “Terrados” (Terrazzi). Tra i molti ospiti anche Carmen Maura e Michael Buch col film “Let my People go!” Tra i documentari di Tiempo de Historia, due titoli curiosi: “La sombra de Evita. Volveré y seré millones” (L'ombra di Evita. Tornerò e sarò milioni) di Xavier Gassiò; “The Guantànamo Trap” (La trappola di Guantanamo) di Thomas Selim Warner. Tra gli eventi, mercoledì 26 si celebra “Il giorno dell'Argentina” con due lungometraggi: “Belgrano” di Sebastiàn Pivotto, “Revoluciòn, el cruce de los Andes” (Rivoluzione, il passaggio delle Ande) di Leandro Ipiña.

Scritto da Renzo Fegatelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA