questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

36. Festival des Films du monde - Il giro di boa.

Attualità

30/08/2012

   MONTREAL. Al giro di boa, il 36. Festival des Films du monde ha presentato in concorso un film cinese e uno spagnolo.  WINGS (Ali) porta due firme : Yazhou Yang, 56 anni, autore di 5 film; Bo Yang, esordiente dopo aver studiato in Nuova Zelanda. Insieme hanno dato vita a un film composito, un dramma spesso accompagnato da musica d’opera e da passi di balletto,  imperniato sul sostegno ai disabili. Xiaobei, studentessa a Pechino, viene da una zona rurale. Senza soldi, pentita di aver firmato un contratto per accogliere in grembo il figlio di una coppia sterile, tenta il suicidio. Ospitata dalla madre di due ragazzi disabili, collabora col piu’ grande, suo coetaneo, che lavora in un orfanatrofio. Si chiama GongPing, é privo di braccia, ma riesce a suonare il piano con i piedi. Dapprima Xiaobei prova repulsione per il giovane. Conoscendolo meglio lo apprezza. Insieme vivranno alcune avventure, inclusa una fuga per sfuggire alla coppia che rivuole i soldi pagati per avere un figlio. Quando la madre di GongPing, autista di autobus urbani, paga il debito della ragazza, torna il sereno. Il film dura 90 minuti, e in questo é perfetto.  Lo svolgimento del racconto, ora fracassone, ora trionfante, a volte confuso, ha spinto alcuni spettatori a lasciare la sala.
   Di taglio decisamente narrativo, genere cinema americano anni ’50 e ’60, é MIEL DE NARANJAS (Miele d’arance) di Imanol Uribe, autore di una dozzina di film negli ultimi trent’anni, spesso premiato. Tornano sugli schermi le nefandezze della dittatura del caudillo, quelle commesse in tempo di pace, e che allora in Europa venivano minimizzate. Da fatti reali, documentati da lettere ritrovate, e su sceneggiatura di Remedios Crespo, il regista spagnolo ci porta nell’Andalusia degli anni ’50 per descrivere l’attivita’ di gruppi clandestini di opposizione al regime, e le esecuzioni sommarie praticate da esercito e polizia.
Protagonisti due giovani, Enrique e Carmen che si innamorano a prima vista. Lo zio della ragazza, ufficiale della milizia, offre a Enrique, soldato, un posto in tribunale. Lui vorrebbe insegnare in una scuola. Quando riceve una grande casa requisita e Carmen lo prega di accettare, la restaurano. Senonché Enrique é scosso dalle fucilazioni alle quali deve assistere, e quando mettono a morte lo psichiatra della casa di anziani dove é ricoverata sua madre, accetta di collaborare con una cellula che opera nell’ospizio. Le sorprese saranno molte. Una volta in contatto con i clandestini scopre che molti sono sue vecchie conoscenze. Poi una spiata fara’ precipitare gli eventi, ma il giovane avra’ un colpo di fortuna. Atmosfere, ricostruzioni d’epoca e un attento lavoro di attori (Iban Garate, Blanca Suarez, Karra Elejalde, Eduard Fernandez, Angela Molina) offrono cento minuti di intrattenimento assicurato. Niente cinema nuovo. Il taglio del racconto é tradizionale, ma vale la pena ricordare crimini e misfatti di un regime del quale alcuni documentari, circolati in Festival di cinema circa dieci anni fa, testimoniavano che oppositori di Franco erano ancora in prigione nel 1974 e venivano impiegati in lavori forzati.

Renzo fegatelli

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA