questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

01 Distribution: Bisio mattatore

Attualità, Eventi

03/12/2013

E' stata 01 Distribution, il braccio distributivo di RaiCinema ad inaugurare le danze di questa 36a edizione delle Giornate Professionali di Cinema di Sorrento. Una partenza muscolare, contrariamente agli anni passati in cui si lasciava alle società più piccole il compito di iniziare i lavori, per procedere in crescendo. Anche se la più importante società cinematografica italiana si è limitata ad annunciare i titoli del primo semestre, lasciando in sospeso le date dei titoli della seconda parte dell'anno. Presente ovviamente tutto lo stato maggiore della società con Luigi Lo Nigro, direttore di 01 e Paolo Del Brocco, AD di RaiCinema, che si sono limitati ai saluti di rito, lasciando il palco a Cladio Bisio, nel doppio ruolo di protagonista di uno dei film La Gente che sta bene di Francesco Patierno, e di presentatore del listino 01, insieme al direttore marketing della società pubblica Carlo Rodomonti. 

Virzì, Anderson Scorsese, Pfister, Waugh, Patierno, Vanzina, Ravello, Mazzacurati, Ozpetek, Sibilia, Marengo… sono solo alcuni dei registi che formano la squadra dei primi sei mesi del 21014 di 01 Distribution, e di cui sono stati mostrati i trailer ed alcune clip, a cominciare da Wolf of Wall Street di Martin Scorsese, uno dei top titles della società in uscita a gennaio, con Leonardo Di Caprio nel ruolo di un broker di Wall Street negli anni d'oro della speculazione selvaggia dell'inizio del secolo. Quattro complessivamente i titoli non italiani, a cominciare da Scorsese, che dal trailer e soprattutto da alcune clip estese che sono state mostrate, ha certamente tutte le carte in regola non solo per conquistare un pubblico molto esteso ma anche per competere per gli Academy Awards. Impressionanti, anche se ancora tecnicamente provvisorie, le immagini di Pompei, un blockbuster di Wes Anderson incentrato sulla celebre eruzione del Vesuvio di duemila anni fa.  Need for Speed sembrerebbe invece a tutti gli effetti un clone di Fast & Furious, produttivamente e visivamente molto ambizioso, mentre Trascendence, con un inedito Johnny Depp nei panni di uno scienziato informatico, potrebbe essere una grande sorpresa, per portare ai limiti estremi il concetto di Intelligenza Artificiale, in una dimensione extracorporea di inimmaginabile potenza e vastità. 

Ma sebbene questi titoli siano sicuramente impattanti, e tutti a modo loro legati all'aria dei tempi, non rappresentano l'anima di 01Distribution che risiede invece nel cinema italiano, nel raccordarsi alla sua varietà e nella sua ricchezza. A cominciare da Il Capitale Umano di Paolo Virzì, che sembrerebbe fare da sponda italiana al film di Scorsese, una commedia drammatica interpretata da Bentivoglio, Golino, Gifuni, Bruni Tedeschi, sulla classse dirigente della penisola, o La Gente che sta bene di Patierno,  con Claudio Bisio, Abatantuono e Margherita Buy, commedia-commedia su certa alta-borghesia meneghina arraffona e volgare. Sono le commedia comunque a farla da padrone nel ricco listino 01 Distribution, alcune più impegnate, come quelle che abbiamo citato, sul racconto della realtà dei tempi che stiamo vivendo, altre più commerciali come Un Matrimonio da Favola dei fratelli Vanzina che giocano come nel loro dna tra gag e battute magari anche volgarotte, per strappare la risata (e quasi sempre ci riescono), altre più surreali come Ti ricordi di me di Rolando Ravello con la neocoppia Ambra Angiolini Edoardo Leo due personaggi bizzarri alle prese con colpi di fulmine e scherzi della memoria, La Sedia della Felicità di Carlo Mazzacurati con Valerio Mastandrea, Giuseppe Battiston e Isabella Ragonese impegnati alla caccia di una sedia che nasconde un autentico tesoro, o la più caustica, che sulla carta potrebbe ricordare Aspirante Vedovo, Un Fidanzato per mia Moglie con le iene Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu alle prese con la consorte Geppi Cucciari. Chiude il cerchio la commedia sentimentale di Ferzan Ozpetek Allacciate le cinture con Kasia Smutniak, Francesco Arca e Filippo Scicchitano in un Salento romantico e galeotto.

Scritto da Piero Cinelli
Tag: non vi sono tags per questo articolo
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA